venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeNotizieDenver Nuggets: Aaron Gordon racconta il terribile l'incidente avvenuto a Natale con...

Denver Nuggets: Aaron Gordon racconta il terribile l’incidente avvenuto a Natale con il suo cane. Ecco le sue parole!

Durante il giorno di Natale, Aaron Gordon, giocatore dei Denver Nuggets, ha subito un attacco da parte del suo cane che gli ha causato la necessità di ricevere 21 punti di sutura sulla mano e sul viso. Dopo essersi riunito con i suoi compagni di squadra per gli allenamenti, l’ala è già tornato in campo ieri sera contro Charlotte, spiegando ciò che è accaduto: “La colpa è interamente mia, ho bevuto un po’ troppo e ho esagerato giocando con lui. Amo i cani, ne ho sempre avuto uno nella mia vita ed è un compagno fedele. Per fortuna, ora va tutto bene”.

Denver Nuggets (Foto Instagram)
Denver Nuggets: Aaron Gordon durante una partita con la squadra (Foto Instagram)

L’incidente dell’ala dei Denver Nuggets

La mattina successiva alla vittoria di Natale contro i Golden State Warriors, l’incredibile notizia dell’infortunio di Aaron Gordon aveva colto tutti di sorpresa. Il talentuoso giocatore dei campioni in carica era infatti finito in ospedale, sottoposto a ben 21 punti di sutura alla mano e al volto a causa del morso di un cane.

Inizialmente non erano state fornite ulteriori informazioni sulle circostanze dell’accaduto, lasciando dubbi sul suo ritorno in campo a breve termine. Tuttavia, la situazione è notevolmente migliorata tanto che Gordon è tornato ad allenarsi con i suoi compagni di squadra. È persino sceso in campo già nella partita di ieri sera contro gli Charlotte Hornets.

Durante un incontro con la stampa, il giocatore ha raccontato quanto accaduto la notte di Natale, spiegando il suo amore per i cani e il fatto di essere cresciuto con loro per tutta la sua vita. Quattro anni fa, quando aveva solo sei settimane, ha adottato un Rottweiler che ora è affidato alle cure di suo padre a causa dei numerosi viaggi.

Gordon ammette di non aver potuto addestrarlo nel modo in cui avrebbe voluto e sta cercando alternative per risolvere questo problema, anche se sottolinea che il suo cane è affettuoso, dolce e molto forte.

Nulla di grave per Aaron Gordon

Gordon ha assunto piena responsabilità per l’accaduto e non è stata presentata nessuna denuncia (in Colorado è possibile sopprimere i cani aggressivi), affermando di essersi riconciliato con il suo Rottweiler la stessa sera. “Suppongo che sia un po’ imbarazzante, ma non abbastanza da impedirmi di parlarne”, ha dichiarato alla stampa.

“Di solito non bevo molto durante la stagione, ma essendo Natale ho esagerato con il liquore allo zabaione. Stavo giocando e azzuffandomi con il mio cane e credo che si sia un po’ troppo eccitato, finendo per mordermi. Quando ho cercato di liberarmene, mi ha anche preso la mano. In poche parole, ho esagerato nel gioco e quando lo fai, rischi di pagare le conseguenze”.

Gordon, che ha ricevuto anche punti di sutura vicino al labbro, afferma di poter comunque giocare in queste condizioni, anche perché senza di lui i Nuggets hanno subito una pesante sconfitta casalinga contro gli Oklahoma City Thunder. “Ho già giocato con punti sulla mano, quindi non è una novità. E per quanto riguarda il viso, non mi interessa: non stiamo facendo una sfilata di moda.

Mi è mancato stare con i miei compagni, è stata la cosa più difficile di tutte. Andare in ospedale per ricevere punti non è mai divertente. Mi spiace che siano stati coinvolti in questa storia quando ci sono cose molto più serie. Mi sento un po’ stupido, ma va tutto bene”.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments