Home Notizie Pallacanestro Varese: tutto da rifare? La squadra cerca un sostituto per Young...

Pallacanestro Varese: tutto da rifare? La squadra cerca un sostituto per Young e scoppia il caso Wolde!

0
132
Pallacanestro Varese (Foto Instagram)

Il gettone di James Young si sta avvicinando rapidamente alla scadenza, mentre Tomas Woldetensae è stato costretto a rimanere inutilizzato per un lungo periodo. Tuttavia, c’è una novità positiva con la riattivazione di Leonardo Okeke nel laboratorio Roosters in B Interregionale. Queste tre situazioni stanno cambiando e potrebbero portare a cambiamenti significativi per una squadra “Nic-OJM” che punta alla salvezza in Italia e ai playoff in FIBA Europe Cup. Ecco come stanno evolvendo le cose per la Pallacanestro Varese!

Pallacanestro Varese (Foto Instagram)
Pallacanestro Varese in campo (Foto Instagram)

Chi sceglierà la Pallacanestro Varese per sostituire Young?

L’esibizione di James Young negli 8 minuti della partita di domenica ha dimostrato che non è adatto a ricoprire il ruolo di cambio delle ali. La sua tenuta atletica è rimasta invariata durante le 6 settimane a Varese e i suoi risultati in campo sono stati deludenti. A parte la buona prova con 11 punti e 9 rimbalzi contro Pesaro, il giocatore del 1995 ha prodotto poco e male, con una media di 5,8 punti e 4,2 rimbalzi con un 30% al tiro da tre in 16 minuti. La OJM dovrà prendere una decisione entro il 31 gennaio se estendere il suo contratto fino al 30 giugno o utilizzare l’escape a suo favore.

Il club è alla ricerca di un giocatore che possa sostituire Young e che abbia doti balistiche superiori, che possa anche giocare qualche minuto come “4 tattico“. Si è valutato l’ex giocatore di Bergamo e Rieti, Jeffrey Carroll, ma ora è stato reintegrato ad Heidelberg in Germania. Comunque, il club cerca un giocatore disposto a partire dalla panchina per 15-20 minuti. Sarebbe preferibile se fosse un giocatore che possa progettare per il futuro e essere valutato per la prossima stagione.

Tomas Woldetensae continua a restare in panchina

Tomas Woldetensae, una volta elemento fondamentale del quintetto base con 28,2 minuti di utilizzo a partita nella stagione 2022/23, si trova ora ai margini delle rotazioni del coach Bialaszewski e dei dati delle analytic. È difficile capire come sia scivolato al ruolo di sesto esterno nella squadra del 2023/24, trovandosi persino dietro il poco adeguato Young. Questo cambiamento è dovuto sia a un calo delle sue prestazioni, con un numero inferiore di triple segnate a causa della ridotta qualità dei compagni di squadra, sia al suo ruolo ambiguo.

Come mancino bolognese, Woldetensae offre poche soluzioni come playmaker in una squadra che ha già Mannion, Hanlan, Moretti e Librizzi come alternative valide. Inoltre, non ha il fisico necessario per giocare come ala forte, a differenza di Young. È quindi naturale che il suo agente proponga un trasferimento altrove nella Lega A o nella Lega A2, ma al momento Varese non sembra intenzionata a lasciarlo partire. Tuttavia, Woldetensae è in scadenza di contratto il 30 giugno e sembra improbabile che il suo rapporto con la squadra continui.

Si prevede che la decisione su Young avrà un impatto sulle valutazioni. Soprattutto se qualcuno si presentasse con un buyout che potrebbe essere reinvestito in un’altra operazione per Woldetensae. Come quella che ha visto il suo arrivo a Varese a gennaio 2022, quando è stato prelevato dalla squadra di Serie A2 di Chieti pagando la clausola rescissoria di 18mila euro.