venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeNotizieWarriors in piena crisi: dopo i fischi del pubblico, collezionano un'altra sconfitta....

Warriors in piena crisi: dopo i fischi del pubblico, collezionano un’altra sconfitta. Cosa sta succedendo?

Dopo essere stata completamente sopraffatta dai Raptors, la squadra dei Golden State Warriors ha subito un’altra disastrosa sconfitta sul proprio campo, questa volta ad opera dei Pelicans. La notte è stata ancor più cupa per i Warriors quando il pubblico presente al Chase Center ha manifestato il proprio dissenso con sonori fischi.

Secondo Steve Kerr, allenatore della squadra, al momento attuale il team sembra aver perso completamente lo spirito e la fiducia in se stessi che li ha contraddistinti negli ultimi dieci anni. Steph Curry, il leader dei Warriors, non ha nemmeno cercato di negare la gravità della crisi che sta attraversando la squadra nel dopo partita.

Warriors (Foto Instagram)
Warriors duante un match in campo (Foto Instagram)

L’opinione del coach dei Warriors, Steve Kerr

In quasi dieci anni di comando della panchina dei Golden State Warriors, Steve Kerr ha affrontato molti momenti difficili, alcuni dei quali estremamente stressanti dal punto di vista agonistico. Tuttavia, dopo la pesante sconfitta subita contro i New Orleans Pelicans, la seconda in soli due giorni al Chase Center di casa, l’allenatore sembrava finalmente essere davvero abbattuto.

Ciò è dovuto principalmente al fatto che, per la prima volta negli ultimi dieci anni, i fischi dei tifosi hanno accompagnato la pessima prestazione della squadra. “Abbiamo meritato quei fischi”, ha dichiarato Kerr durante la conferenza stampa post-partita. “Attualmente, abbiamo perso lo spirito e la fiducia che ci hanno contraddistinto in tutti questi anni”. Inoltre, Kerr ha aggiunto: “Siamo fuori sincrono su entrambi i lati del campo. Al momento, siamo una squadra silenziosa e non comunichiamo durante le partite. Spero che il ritorno di Draymond Green possa aiutarci in questo senso”.

Il calendario non sembra offrire vantaggi ai Dubs, che ora affronteranno quattro trasferte consecutive. “Dobbiamo riunirci rapidamente, perché questa è l’NBA e non possiamo permetterci di perdere altro tempo. Non abbiamo altra scelta”.

La delusione di Stephen Curry

Dopo la devastante sconfitta subita contro i Pelicans, l’amaro e la frustrazione si sono estesi oltre Steve Kerr nell’ambito della squadra dei Golden State Warriors. Steph Curry ha confessato di condividere quei fischi che provenivano dalla mente dei tifosi presenti nell’arena.

La situazione critica in cui versano i Warriors è stata ulteriormente evidenziata da un’affermazione insolita da parte di Curry, che di solito è riservato nel commentare le dinamiche all’interno dell’organizzazione.

Quando gli è stato chiesto se fosse inevitabile un intervento sul mercato per apportare cambiamenti al roster, il capitano ha risposto senza mezzi termini. “Mi sembra piuttosto ovvio che, se continuiamo così, sarebbe pazzesco aspettarsi risultati diversi. Se non facciamo nulla di nuovo, dobbiamo aspettarci gli stessi risultati”.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments