sabato, Aprile 13, 2024
HomeNotizieAll Star Game, dopo l'evento si comincia a fare sul serio: ecco...

All Star Game, dopo l’evento si comincia a fare sul serio: ecco 5 giocatori chiave delle squadre da Finals!

Dopo l’All Star Game, la stagione regolare della NBA entra nella fase decisiva con la corsa ai playoff, dove ogni partita conta di più e diventa determinante per raggiungere un obiettivo concreto. La competizione per ottenere il vantaggio del campo in una serie a eliminazione diretta diventa fondamentale, così come evitare avversari pericolosi fin dal primo turno. Per le squadre ambiziose che hanno avuto alti e bassi durante la stagione, è essenziale evitare il play-in per non veder interrotto il proprio cammino prima del tempo.

All Star Game
All Star Game: jimmy Butler

All Star Game: Kristaps Porzingis

Kristaps Porzingis potrebbe essere la chiave per il successo di Boston in questa stagione, considerando che la squadra ha attualmente il miglior record della NBA. Nonostante la squadra abbia una profondità di organico senza confronti, le stelle come Tatum e Brown potrebbero non essere al livello dei migliori giocatori delle squadre rivali più forti. Per ottenere il successo nei playoff, potrebbe essere necessario che un terzo giocatore di punta emerja. Porzingis potrebbe essere la risposta, se riesce a restare in buona salute e a giocare un ruolo meno impegnativo rispetto al passato. Se i Celtics vogliono vincere il titolo, sarà fondamentale che Porzingis realizzi il suo pieno potenziale, come ci si aspettava al momento del Draft del 2015.

Damian Lillard

Damian Lillard ha dimostrato il suo valore durante l’All Star Game, vincendo la gara da 3 punti e ottenendo il titolo di miglior giocatore della partita delle stelle. Nonostante i suoi 33 anni, non è certo finito, ma sta semplicemente gestendo le energie in vista dei playoff. La sua determinazione nel cercare il titolo NBA è evidente e vuole dimostrare che è sempre “Dame Time“.

All Star Game: Tyrese Maxey

È ora di vedere cosa può fare Tyrese Maxey da solo, senza l’aiuto di Embiid. Dopo l’operazione al ginocchio sinistro del gigante africano, il giovane playmaker proveniente dalla Kentucky University è chiamato a guidare i Philadelphia 76ers. Senza la presenza dominante di Harden accanto a lui, Maxey ha dimostrato di poter gestire il ruolo di titolare, ma ora deve dimostrare di poter brillare anche senza il supporto di un compagno di squadra del calibro di Embiid. La sfida è grande, ma è un’opportunità per Maxey di crescere e dimostrare il suo valore.

Jimmy Butler

Jimmy Butler sa come giocare. Miami fatica in stagione regolare, ma l’esperienza dell’anno scorso, quando ha portato la sua squadra dalla posizione numero 8 alle Finals, dovrebbe servire da monito. Con Erik Spoelstra in panchina e Butler in campo quando conta, Miami è una minaccia per tutti. Attualmente settima nell’Est, ma con il potenziale per arrivare al quinto posto. Con giovani talenti come Tyler Herro e KZ Okpala al suo fianco, Jimmy sarà ancora più pericoloso sul parquet.

All Star Game: Anthony Davis

Anthony Davis è un giocatore che ha fatto sognare i tifosi di Oklahoma City e Cleveland, ma ora è ai Lakers e non ai Thunder tra le prime 5 della conference Ovest. Grazie a LeBron e Davis, i gialloviola hanno dimostrato di poter brillare nei momenti cruciali, come evidenziato dalla vittoria del torneo di Las Vegas. Mentre LeBron non può più segnare 30 punti a partita, rimane una garanzia in ogni reparto. Davis, invece, deve mostrare la sua costanza per almeno due mesi e fiorire in primavera, diventando sia un problema che una gioia per i suoi tifosi a causa della sua fragilità fisica e caratteriale.

- Advertisement -
RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Ultime News