martedì, Giugno 25, 2024
HomeNotizieKevin Durant: nonostante la sua richiesta i Nets hanno fatto comunque un...

Kevin Durant: nonostante la sua richiesta i Nets hanno fatto comunque un video tributo. Ecco la sua reazione!

Dopo aver abbandonato la Grande Mela l’estate scorsa per unirsi ai Phoenix Suns, Kevin Durant è finalmente tornato a Brooklyn per uno scontro in campo. I tifosi newyorchesi erano ansiosi di vedere come sarebbe stata l’accoglienza riservata all’ex ala dei Nets e il risultato è stato un mix di applausi e fischi. La squadra, invece, ha voluto onorare il passato di Durant con un emozionante video tributo che ha ricordato i suoi momenti indimenticabili sotto la maglia dei Nets. Ecco la reazione del giocatore!

Kevin Durant
Kevin Durant in campo per i Phoenix Suns

Le parole di Kevin Durant in conferenza stampa

Kevin Durant segna un rientro straordinario al Barclays Center, l’arena che per quasi quattro stagioni ha chiamato casa. Durante la partita, Durant dimostra il suo talento con uno spettacolare tabellino da 33 punti, 5 rimbalzi e 8 assist.

Dopo il match, mentre risponde alle domande dei giornalisti, Durant torna ad affrontare il suo periodo ai Brooklyn Nets e le ragioni per le quali non è stato possibile fare squadra con Kyrie Irving e James Harden.

“La verità è che non abbiamo avuto sufficiente tempo insieme. È semplicemente questo. Ognuno di noi voleva intraprendere strade diverse. Abbiamo cercato di fare del nostro meglio per recuperare e rimanere uniti. Ma alla fine, mi piaceva l’idea di venire qui, lavorare, giocare e far parte di questa comunità per rappresentare Brooklyn”, ha dichiarato Durant.

Durante il loro breve periodo insieme ai Brooklyn Nets, Durant, Irving e Harden sono scesi in campo solo in 16 occasioni. Successivamente, sia Harden che Kyrie hanno chiesto di essere scambiati lontano dai Nets, e infine anche Durant ha fatto lo stesso, richiedendo una separazione dal team.

KD non considera l’idea di tornare indietro

Durante l’intervista, il giocatore dei Suns ha respinto categoricamente l’idea che il suo periodo con i Nets possa essere considerato un fallimento:

La mia definizione di successo è molto personale… Voglio dire, sono stato convocato per l’All-Star Game ogni anno. Sono stato il primo ad essere scelto ogni volta. Ho venduto moltissime maglie. Ho mantenuto una percentuale di tiri dal campo del 50-40-90, con una media di 30 punti a partita, e sono stato scelto per l’All-NBA. È stato un successo? Capisci quello che intendo?” ha dichiarato Kevin Durant.

I Nets hanno omaggiato Durant con un video prima dell’inizio della partita, nonostante lui avesse specificamente chiesto tramite i social media, all’inizio della settimana, di evitare qualsiasi tributo.

“… È così com’è. Questo però non ha impedito che io svolgessi il mio lavoro” ha ribadito Kevin Durant.

Il ritorno di Kevin Durant al Barclays Center è stato un momento di riflessione sui possibili scenari che avrebbero potuto manifestarsi e sulle strade che invece ha scelto. Mentre le domande sul “cosa sarebbe successo se…” possono alimentare la curiosità, Durant preferisce concentrarsi sulla realtà di ciò che effettivamente è accaduto.

Il breve periodo trascorso con i Brooklyn Nets potrebbe non essere stato caratterizzato da un successo collettivo, ma l’impatto individuale di Durant rimane innegabile.

- Advertisement -
RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Ultime News