lunedì, Febbraio 26, 2024
HomeNotiziePallacanestro Varese: Luis Scola diventa la figura portante dell'assetto finanziario della squadra....

Pallacanestro Varese: Luis Scola diventa la figura portante dell’assetto finanziario della squadra. Ecco perché!

La primavera sarà portatrice di una profonda trasformazione per la Pallacanestro Varese, segnando una nuova fase di rinascita. Ciò che riguarda principalmente il riassetto societario, come riportato da Varese Noi e successivamente confermato da Prealpina questa mattina, è l’effettiva suddivisione delle quote societarie del 45% a favore di Varese Sport Entertainment.

Pallacanestro Varese
Pallacanestro Varese in campo

Questa società, originariamente concepita dall‘idea di Luis Scola durante l’acquisizione della Pallacanestro Varese due anni fa, è rimasta silente fino al 12 gennaio scorso ed è ora considerata il piano di riserva in seguito all’insuccesso della trattativa con il Gruppo Pelligra.

I finanziamenti per Pallacanestro Varese

Al momento, Varese Sport Entertainment ha già un capitale di 1,2 milioni di euro e potrebbe presto arricchirsi di altri 1 milione provenienti dagli Stati Uniti. Questi soldi sarebbero investiti da un gruppo composto da numerosi investitori privati americani che sono pronti a sostenere finanziariamente sia la società biancorossa che il suo futuro sviluppo, in tempi brevi.

Ma le opportunità di investimento non si fermano qui, poiché Varese Sport Entertainment resterebbe aperta ad altri potenziali investitori, anche a livello locale, che vogliano contribuire a questo ambizioso progetto. Già sono stati avviati dei dialoghi con figure influenti all’interno dell’ambito societario, al fine di valutare la fattibilità e l’ampiezza delle risorse ulteriori.

Le novità

Entro la fine di febbraio, si prevede che l’atto notarile verrà firmato dal notaio. E la società verrà successivamente registrata presso il registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio. Si procederà quindi con le modifiche all’assetto societario e al passaggio delle quote, con l’obiettivo concreto di concludere l’intera operazione entro aprile.

In questa operazione, si sta sempre più diffondendo l’idea del famoso “doppio CDA”, di cui abbiamo già parlato ai tempi del Gruppo Pelligra. Quindi uno più tecnico e uno più finanziario.

Ciò comporterebbe un‘importante centralità della figura di Luis Scola, che manterrà il 45% delle quote societarie. Mentre un altro 45% sarà acquisito dalla VSE, collegata sia a El General che all’attuale vicepresidente dei biancorossi, Paolo Perego. L’8% delle quote verrà invece acquisito dal Consorzio Varese nel Cuore. Aumentando così la sua importanza del 3% rispetto a quanto era stato stabilito nell’affare con Pelligra. Mentre il 2% andrà al Trust de Il Basket Siamo Noi.

In questo modo, si otterrà una configurazione societaria molto più legata al territorio rispetto a quanto sarebbe stato con l’accordo con i Pelligra. Nonostante la presenza di capitali stranieri che sostengono la società. Tuttavia, questi capitali saranno molto più strettamente legati alla figura di Luis Scola. E lui diventa sempre più guida, garanzia e certezza per il presente e il futuro dei biancorossi.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments