sabato, Aprile 13, 2024
HomeNotizieJimmy Butler subentra nel finale, gli Heat tengono a bada i Pistons...

Jimmy Butler subentra nel finale, gli Heat tengono a bada i Pistons 118-110 per l’11esima vittoria in 14 partite!

Jimmy Butler è subentrato in ritardo, ed era esattamente ciò di cui i Miami Heat avevano bisogno. Butler ha segnato 15 dei suoi 26 punti nel quarto quarto, Bam Adebayo e Duncan Robinson ne hanno segnati 18 ciascuno e gli Heat hanno superato i Detroit Pistons 118-110 martedì sera.

Jimmy Butler
Jimmy Butler durante lo scontro Miami Heat vs Detroit Pistons

Terry Rozier ha segnato 17 punti, Caleb Martin ne ha segnati 15 e Jaime Jaquez Jr. ne ha segnati 11 per gli Heat, che sono 11-3 nelle ultime 14 partite. Miami (35-26) è passata al sesto posto nella Eastern Conference, mezza partita dietro il n. 4 Orlando (36-26) e il n. 5 New York (36-26), più uno spareggio davanti al n. 7 Philadelphia (35-26).

Jimmy Butler spettacolare

“Nelle prossime 21 partite, probabilmente ce ne saranno molte”, ha detto l’allenatore degli Heat Erik Spoelstra. “È così che stanno andando le cose in questo momento. Tutti lottano per il piazzamento nei playoff“.

Il tiro più grande è arrivato a 22 secondi dalla fine, quando Butler ha segnato il suo primo e unico tiro da 3 punti della serata per sigillare la partita. Butler ora ha almeno una palla rubata e una da 3 in 14 partite consecutive, la striscia più lunga della sua carriera e una partita dietro Rafer Alston (2004) per la più lunga nella storia degli Heat.

Butler sta tirando con il 51% dal campo, il 46% da 3 punti e l’86% dalla lunetta. “Facciamo solo ciò che è necessario in questo momento”, ha detto Spoelstra.

Cade Cunningham ha segnato 23 punti per Detroit, che è tornata a pari merito con Washington per il peggior record della NBA a 9-52. Simone Fontecchio ne ha segnati 22 per i Pistons, Jaden Ivey ne ha segnati 16, Jalen Duren ne ha segnati 14 e Isaiah Stewart ne ha aggiunti 13.

Cronaca del match e prestazioni in campo

Miami era di nuovo senza Tyler Herro (piede), Kevin Love (tallone) e Josh Richardson (spalla) si sottoporrà a un intervento chirurgico di fine stagione mercoledì. Qualche aiuto è in arrivo; gli Heat hanno concordato i termini martedì con la guardia veterana Patty Mills, con quell’accordo che probabilmente sarà finalizzato mercoledì.

Detroit giocherà nove delle sue prossime 10 partite in casa, comprese tutte le prossime sei, un periodo coronato da partite back-to-back contro gli Heat il 15 e il 17 marzo.

Le squadre non si incontravano dalla serata di apertura della stagione, una vittoria di Miami per 103-102 in cui Cunningham ha avuto un rimbalzo da 3 punti sul bordo al cicalino. E questo è stato quasi altrettanto un mangiarsi le unghie per Miami.

Era 61-60 Miami all’intervallo. Gli Heat erano in vantaggio di 10 punti dopo il primo quarto, ma Detroit ha controllato gran parte del secondo quarto e i Pistons hanno condotto di ben quattro punti nel terzo, prima che Miami segnasse 15 punti consecutivi.

Quello scatto ha richiesto solo 2 minuti e mezzo. Rozier ha realizzato un paio di 3 punti durante la corsa, incluso quello che ha chiuso la raffica e ha portato Miami sull’80-69 a metà del terzo.

Detroit è stata imperterrita, arrivando a un possesso – tre punti o meno – sette volte il resto della partita. Ma i Pistons non sono mai tornati in vantaggio. Robinson ha colpito un tiro da 3, il primo di Miami del quarto quarto in 10 tentativi, a 2:05 dalla fine per un vantaggio di 111-105, e poi Butler lo ha sigillato con cinque punti consecutivi nell’ultimo minuto.

- Advertisement -
RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Ultime News