lunedì, Febbraio 26, 2024
HomeNotizieMarco Belinelli: prestazioni eccezionali in campo. Grazie a lui la Virtus Bologna...

Marco Belinelli: prestazioni eccezionali in campo. Grazie a lui la Virtus Bologna ha davvero una marcia in più!

La dichiarazione apparentemente infelice e provocatoria “Marco può dare una mano” lo scorso inverno ha portato alla luce un leader inarrestabile, capace di invertire le fortune delle partite. Marco Belinelli, un autentico contendente, ha dimostrato ancora una volta la sua abilità nel smentire gli scettici, mettendo alla prova se stesso fin dall’inizio della sua carriera. Ma c’è molto di più da scoprire sulla straordinaria carriera di questo giocatore!

Marco Belinelli (Foto Ansa)
Marco Belinelli durante la partita Virtus Bologna vs Bayer Monaco, 2023 (Foto Ansa)

L’esordio di carriera e l’arrico del coach Banchi

Originario di San Giovanni in Persiceto, Marco Belinelli ha affrontato il suo percorso con numerosi dubbi che gravavano su di lui sin da quando, con un tiro preciso ma inizialmente scoordinato, fece il suo ingresso nella NBA. Le voci che lo predicavano inadeguato e lo spingevano a tornare in Europa sembrano ormai solo un lontano ricordo, dal momento che dal 1986 Belinelli è riuscito a conquistare il titolo NBA con i San Antonio Spurs nel 2014 e a militare nel campionato americano per tredici stagioni.

Marco Belinelli ha dimostrato, nel corso degli anni, di sfatare tutte le previsioni negative, emergendo come uno dei migliori tiratori europei di sempre. Non è da tutti riuscire a sconfiggere, in una gara di tiro da tre nel 2014, avversari del calibro di Stephen Curry, Damian Lillard e Bradley Beal, soprattutto dopo uno spareggio finale.

La carriera dell’attuale capitano della squadra bianconera è stata costellata da critiche: non sa difendere, è troppo vecchio, se non segna perché essere schierato in campo? Tuttavia, Marco ha sempre avuto la capacità di smontare gli argomenti dei suoi detrattori. L’arrivo del coach Banchi lo ha posto di nuovo al centro del progetto, e ancora oggi riesce a sorprendere anche i più scettici, partita dopo partita.

Percorso in ascesa per Marco Belinelli

Le triple messe a segno con salde radici sul campo da gioco, gli assist eseguiti in modo artistico, le fintarelle di tiro, i cambi di passo scattanti al di là della sfera, i passaggi stretti e precisi attorno al blocco seguiti da un drastico arresto per procurarsi fallo, gli atterraggi perfetti e i tiri precisi nel pitturato, i tagli sotto il canestro per un tiro in acrobazia o un backflip: tutti questi movimenti compongono il vasto repertorio di abilità di Marco Belinelli, che lo rendono una risorsa incredibile per la Virtus.

Quando la squadra della Segafredo, guidata da Shengelia e compagni, incontra difficoltà nella fase offensiva, Belinelli si trasforma spesso nel vero leader, emergendo nei momenti più critici. Gran parte del merito del prestigioso terzo posto finora conquistato in Eurolega va attribuito proprio alle gesta di Belinelli.

Nell’ultimo incontro vinto contro il Baskonia, l’ala bianconera ha migliorato il suo record personale in Eurolega. Ha segnato così 27 punti e facendo così arrivare il suo totale a 1000 punti. Nonostante l’età di 37 anni che si legge sulla sua carta d’identità.

Il capitano del team bianconero rappresenta l’esempio perfetto di come dubitare di qualcosa di cui non si ha la conoscenza approfondita, possa rivelarsi un grave errore. Pertanto, la lezione che si può trarre da tutto ciò è evidente: “Non dubitare mai di qualcosa che non sai, soprattutto quando si tratta di Marco Belinelli”.

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments