Home Notizie NBA partite: Celtics battuti dai Nuggets e i Bulls mettono al tappeto...

NBA partite: Celtics battuti dai Nuggets e i Bulls mettono al tappeto i Warriors. Ecco i risultati della notte!

0
110
NBA partite

Nella partita di grande importanza disputata a Denver, i Nuggets sono riusciti a prevalere sui Celtics grazie alle brillanti giocate del sempre instancabile Nikola Jokic. Nel frattempo, Luka Doncic ha mostrato tutta la sua classe portando i Mavericks alla vittoria contro Miami, mentre i Golden State Warriors sono incappati in una sconfitta davanti al loro pubblico contro i Chicago Bulls. Scopriamo nel dettaglio i risultati dell’NBA partite e gli highligths di questa notte!

NBA partite
NBA partite: DENVER NUGGETS-BOSTON CELTICS 115-109

NBA partite: DENVER NUGGETS-BOSTON CELTICS 115-109

La sfida tanto attesa non ha deluso le aspettative, con i padroni di casa che sono riusciti a controllare il gioco e ad andare avanti anche con un ampio vantaggio nel 4° quarto. Tuttavia, i Celtics non si sono arresi e sono riusciti a rientrare in partita, con Nikola Jokic che ha fatto la differenza nel finale con le sue giocate vincenti. Nonostante Boston abbia tirato male da tre (11/38), sono riusciti a rimanere competitivi grazie alla grande prestazione di Jaylen Brown e alla presenza determinante di Kristaps Porzingis, autore di 24 punti e 12 rimbalzi.

Dall’altra parte, i Nuggets non sono stati da meno, tirando addirittura peggio dalla lunga distanza con un misero 19%, ma hanno potuto contare su un ottimo Aaron Gordon, autore di 16 punti e 9 rimbalzi. In una serata difficile per Jayson Tatum, è stato Jaylen Brown a prendere in mano le redini della squadra, mettendo a segno ben 41 punti, 14 rimbalzi e 4 assist. Tuttavia, l’7/14 dalla lunetta di Brown ha pesato sulla prestazione complessiva e forse anche sul risultato finale della partita.

La partita contro i Celtics è stata speciale per diversi motivi, ma per Nikola Jokic sembrava essere solo un’altra partita. La stella dei Nuggets ha guidato la sua squadra con la solita tripla doppia da 32 punti, 12 rimbalzi e 11 assist, tirando con un impressionante 11/19 dal campo e senza commettere nemmeno un errore. Nel momento cruciale, quando Boston si stava avvicinando, sono state le sue letture del gioco a fare la differenza e a decidere l’esito della partita.

DALLAS MAVERICKS-MIAMI HEAT 114-108

La partita tra Dallas Mavericks e Miami Heat si preannunciava come un’emozionante sfida equilibrata e, puntualmente, i pronostici si sono avverati. Ancora una volta, è stata la prestazione straordinaria di Luka Doncic a fare la differenza. Nonostante Miami abbia cercato di mettere pressione con una grande prestazione di Terry Rozier, autore di 27 punti e 11 assist, e con ben 6 giocatori in doppia cifra, è stato Dallas a prendere il controllo della partita nel terzo quarto, grazie anche ai 23 punti di Kyrie Irving e ai 13 punti di Dante Exum dalla panchina.

Per riuscire a battere gli Heat e ottenere la vittoria, i Mavericks hanno avuto bisogno della quinta tripla doppia consecutiva da oltre 30 punti di Luka Doncic, che si è confermato come il secondo giocatore nella storia della NBA a riuscirci dopo Russell Westbrook nel 2017. Concludendo la partita con 35 punti, 11 rimbalzi e 11 assist e con un ottimo 7/13 dalla lunga distanza, il talentuoso sloveno ha contribuito in modo determinante alla vittoria della sua squadra.

NBA partite: DETROIT PISTONS-BROOKLYN NETS 118-112

I Detroit Pistons sono riusciti a dominare l’area di gioco nella partita contro i Brooklyn Nets, con un conteggio di 56-42 nei punti segnati in area e addirittura 50-28 nei rimbalzi catturati. Nonostante i 31 punti segnati da un ottimo Dennis Schroeder con un efficace 12 su 17 dal campo, i Pistons sono riusciti a battere i Nets. La coppia formata da Cade Cunningham, autore di 32 punti e 11 assist, e Jaden Ivey, che ha segnato 34 punti con un impressionante 6 su 9 da tre punti, ha guidato Detroit alla vittoria.

Inoltre, Jalen Duren ha contribuito con 12 punti e 14 rimbalzi, dimostrandosi sempre più affidabile. Anche Simone Fontecchio è stato importante per la squadra, nonostante partisse dalla panchina: ha giocato 23 minuti, ha faticato un po’ al tiro con 2 su 7 segnati, ma ha comunque contribuito alla vittoria con 4 punti, 6 rimbalzi, un assist e una stoppata.

GOLDEN STATE WARRIORS-CHICAGO BULLS 122-125

I Golden State Warriors, finalmente al completo con il ritorno di tutti i loro giocatori chiave, si sono trovati di fronte a una sorpresa inattesa quando i Chicago Bulls hanno preso il controllo della partita nel cuore del gioco, resistendo con successo ai tentativi di rimonta dei padroni di casa e portando a casa una vittoria prestigiosa.

DeMar DeRozan è stato il principale protagonista, con 33 punti e 8 rimbalzi, punendo ogni occasione in cui la difesa dei Warriors ha fatto un passo falso, mentre Nikola Vucevic ha offerto una prestazione straordinaria. Klay Thompson, nonostante i suoi 25 punti, ha avuto una serata poco brillante con un 9 su 21 dal campo, ma ha dimostrato di essere sempre più a suo agio nel ruolo di sesto uomo del team di Steve Kerr.

Al Chase Center, i Warriors hanno iniziato la partita con Draymond Green come unico lungo in quintetto, e Vucevic ha subito approfittato di questa situazione, dominando nell’area sotto canestro con grande autorità. Alla fine della partita, il centro dei Bulls ha registrato 33 punti, 11 rimbalzi e 5 assist, con un impressionante 14 su 23 dal campo, dimostrando la sua superiorità in campo.

Se c’è un lato positivo in questa partita per i Warriors, è stato il solido contributo di Klay Thompson, che ha cercato di salvare la situazione con la sua capacità di segnare punti. In ogni caso, i Chicago Bulls hanno dimostrato di essere una squadra da non sottovalutare, soprattutto quando giocano a questo livello di intensità.