mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeNotiziePartite NBA: ultimi 3 match prima dell'All Star Game. Ecco le squadre...

Partite NBA: ultimi 3 match prima dell’All Star Game. Ecco le squadre che si sono sfidate e i risultati!

Le ultime tre partite NBA che precedono l’All-Star Game sono state segnate da vittorie sorprendenti da parte di Minnesota e Golden State che hanno sconfitto rispettivamente Portland con un netto 128-91 e Utah con un risultato di 140-137. I giocatori che si sono distinti sono stati Anthony Edwards dei Timberwolves che ha totalizzato 34 punti, 6 rimbalzi e 7 assist, e Klay Thompson dei Warriors con una straordinaria prestazione di 35 punti, inclusi 7 tiri da tre punti.

Partite NBA
Partite NBA: MEMPHIS GRIZZLIES-MILWAUKEE BUCKS 113-110

Tuttavia, a sorpresa, la partita a Memphis ha visto la sconfitta di Milwaukee nonostante la doppia doppia di Giannis Antetokounmpo che ha segnato 35 punti e fornito 12 assist. La partita si è conclusa con un punteggio di 113-110 a favore di Memphis.

Partite NBA: PORTLAND TRAIL BLAZERS-MINNESOTA TIMBERWOLVES 91-128

Minnesota straborda di energia e, prima dell’All-Star Game, si regala una straordinaria vittoria in trasferta contro Portland: il punteggio finale è 128-91 a favore dei Timberwolves. La squadra inizia in modo impressionante e, dopo soli 12 minuti, è avanti addirittura di 30 punti (44-14).

I Blazers riescono a ridurre lo svantaggio, portandolo a 66-51 a metà partita, ma nella seconda metà i Timberwolves, capolista della Western Conference, si distanziano nuovamente in modo sicuro e dilagano nei momenti finali. Il protagonista indiscusso della serata è Anthony Edwards, che segna 34 punti, cattura 6 rimbalzi e distribuisce 7 assist.

Karl-Anthony Towns contribuisce con 23 punti, mentre Rudy Gobert realizza un doppio-doppio con 11 punti e 12 rimbalzi. I 20 punti di Jerami Grant non sono sufficienti per la squadra dell’Oregon. Al momento dell’All-Star Game di Indianapolis, Minnesota si presenta con un record di 39 vittorie e 16 sconfitte, mentre Portland è penultima con soli 15 successi e ben 39 sconfitte, di cui 6 consecutive.

MEMPHIS GRIZZLIES-MILWAUKEE BUCKS 113-110

Milwaukee subisce una sconfitta spiacevole a Memphis, con un risultato finale di 113-110, nonostante i Grizzlies facciano del loro meglio per dilapidare il vantaggio di 113-104 a soli 49 secondi dalla sirena. Le triple di Beasley riaprono la partita, ma poi Lillard fallisce dall’arco e sulla sirena la conclusione che avrebbe potuto portare ai tempi supplementari. Anche la prestazione di Giannis Antetokounmpo, con una doppia doppia da 35 punti e 12 assist, si rivela inutile, così come i 24 punti di Dame (che conclude con un deludente 7 su 21 dal campo e 3 su 13 da tre).

Tra le fila dei Grizzlies, invece, sono decisive le 27 realizzate sia da Ziaire Williams che da Jackson, quest’ultimo entrato in campo dalla panchina. Questa sconfitta allontana Milwaukee dalla seconda posizione della Eastern Conference: attualmente, la squadra di Rivers ha un record di 35-21, mentre Memphis, con la seconda vittoria consecutiva, raggiunge un record di 20-36, rimanendo comunque terzultima nella classifica Ovest.

Partite NBA: UTAH JAZZ-GOLDEN STATE WARRIORS 137-140

L’Ovest vede i Golden State vincere l’importante scontro diretto con Utah nella lotta per i play-in, imponendosi per 140-137 a Salt Lake City e consolidando così il decimo posto con un record di 27-26, mentre i Jazz sono a 26-30. Tuttavia, ancora una volta i Warriors rischiano una rimonta: a 12 minuti dalla fine, infatti, la formazione di Kerr è avanti di 18 punti, sul 120-102, ma i padroni di casa si avvicinano fino ad arrivare a -1 (138-137).

È necessario che Steph Curry, autore di 16 punti nel corso della serata, realizzi due tiri liberi e che Sexton commetta un errore da tre punti allo scadere del tempo per certificare la vittoria dei Golden State. Fondamentali, per la squadra di San Francisco, sono stati i 35 punti segnati dalla panchina da un ispirato Klay Thompson, che ha realizzato 7 triple. Dall’altra parte, per Utah, i 35 punti di Sexton, nonostante l’errore finale, e i 33 punti di George non sono stati sufficienti.

- Advertisement -
RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Ultime News